Jim Courier, all’indomani della sconfitta scioccante di Novak Djokovic contro Dominic Thiem, ha pronta la soluzione per risolvere i problemi del serbo.

Jim Courier contro Pepe Imaz

Il capitano di Coppa Davis Jim Courier sa bene cosa significa vincere, dato che lui stesso è stato un grandissimo campione, nonché numero uno al mondo. Proprio per questo motivo il talento statunitense dai capelli rossi ci ha tenuto a dare la sua personale opinione su quanto è successo ieri sul campo del Roland Garros.

Veder perdere un campione come Novak Djokovic in quel modo, con addirittura un 6-0 finale, è qualcosa che ha fatto davvero riflettere. Il serbo, soprattutto nell’ultimo set, è sembrato essere completamente avulso dal gioco, quasi non volesse affatto essere lì a Parigi, in uno dei 4 tornei più importanti del mondo.



 

Per Jim Courier il problema è uno solo, il guru mentale Pepe Imaz:

“Il problema è che quando una persona che è nel tuo team da più di un anno si basa su amore e pace, non può aiutarti a risollevarti nel momento in cui sei entrato in una buca. Novak non ha lottato, forse anche a causa del vento. Ha accettato la sconfitta prima della conclusione”

Jim Courier ha fiducia in Agassi

Pepe Imaz è finito dunque nell’occhio del ciclone e non è un caso che da quando ci sia lui nel team di Nole, il serbo abbia perso colpi. La predicazione di baci, abbracci e amore sarà anche un toccasana per l’anima, per carità, ma a quanto pare non sta facendo davvero bene al tennis del serbo, sprofondato in una crisi sempre più nera.Jim Courier

Jim Courier, comunque, ha fiducia che un grande personaggio come Andre Agassi possa risollevare Nole dal buco nero in cui è piombato:

“Andre Agassi sa come affrontare questo tipo di situazioni e si farà le giuste domande per vedere come risolvere il problema.”

Poi, un’ultima frase sibillina, che punta il dito anche sui (presunti) problemi coniugali di Djokovic con la moglie Jelena:

“Ma dallo scorso Wimbledon ci sono altri punti interrogativi sia in campo che fuori.”

Ha ragione Jim Courier, dunque, che addossa tutta la colpa a Pepe Imaz o ci sono anche altre ragioni? Difficile dirlo, almeno per ora, ma è certo che lo Djokovic del terzo set ha davvero poca strada davanti a sé. L’augurio, sincero, è che possa riprendersi presto.



 
The following two tabs change content below.
Laureato in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi Roma TRE, Giornalista Pubblicista presso l'Ordine dei Giornalisti del Lazio.La banana di Chang, le bottigliette di Nadal, i passetti di Agassi e la lingua di Sampras. Ma, soprattutto, il naso a patata di Federer.