Sara Errani fa un clamoroso dietrofront sulle sue dichiarazioni poco carine nei confronti della tennista Kristina Mladenovic.

Sara Errani vs Kristina Mladenovic, l’antefatto

Queste giornate iniziali del Roland Garros stanno diventando sempre più calde. Non solo per l’afoso clima parigino (caldo da record a differenza dell’anno scorso dove a dominare erano pioggia e freddo), ma anche e soprattutto per le liti in campo. Prima Klizan e il francese Lokoli, poi Sara Errani e Kristina Mladenovic.

L’italiana, sconfitta in maniera piuttosto netta dalla giovane francese si era lamentata a fine gara per le esultanze reiterate della Mladenovic durante tutto l’incontro. Kiki aveva avuto la ‘colpa’ di esultare in italiano invece che in francese, caricandosi con un nostrano Forza!, interpretato da Sara Errani come un tentativo di provocazione. L’italiana ha poi spiegato il perché di questa sua errata valutazione:



 

“Sono scesa in campo molto carica, forse troppo. Talmente carica che l’adrenalina ha continuato a scorrere dentro di me anche quando la partita era già finita, in conferenza stampa. […] Nessuno mi aveva informato dell’abitudine di Kristina di incitarsi ed esultare in italiano.”

Sara Errani si scusa con la rivale

Sara ErraniIl dietrofront della nostra tennista era doveroso, dato che aveva accusato la Mladenovic di essere una giocatrice scorretta e di doversi fare un esame di coscienza. A bocce ferme poi, non è ancora ben chiaro il perché Sara abbia potuto anche solo pensare una cosa del genere dato che lei stessa è abituata a incitarsi con uno spagnolissimo Vamos!

Il retrogusto amaro per una cosa del genere c’è (perché un atleta italiano deve esultare in spagnolo?), ma questa è una cattiva abitudine che molti tennisti nostrani hanno. Una abitudine strana ma che le avversarie spagnole di Sara Errani non hanno mai interpretato come una provocazione, in nessun caso. Le scuse, pertanto, sono subito parse doverose:



 

“Kiki è una ragazza ed una giocatrice onesta e rispettosa e per questo la ringrazio e le auguro il meglio per il proseguimento del torneo.”

Pace fatta tra le due, quindi, e capitolo chiuso. Adesso starà alla Errani mantenere l’adrenalina a freno e cercare di pensare prima di parlare.

The following two tabs change content below.
Laureato in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi Roma TRE, Giornalista Pubblicista presso l'Ordine dei Giornalisti del Lazio.La banana di Chang, le bottigliette di Nadal, i passetti di Agassi e la lingua di Sampras. Ma, soprattutto, il naso a patata di Federer.