Valutazione della redazione

8.7
Voto globale

La Head Touch Radical Pro è una racchetta che si pone come un serio punto di riferimento per tutti quei tennisti che desiderano raggiungere il controllo assoluto nei colpi e avere sempre una buona confidenza col proprio tennis.


Il primo aspetto che colpisce immediatamente il tennista medio è la tecnologia Graphene Touch che caratterizza questa Head Touch Radical Pro e che ne è, in effetti, l’essenza stessa. Grazie a questa tecnologia targata Head, il tennista potrà avere sensazioni di morbidezza ogni volta che colpisce la palla, anche quando tenta di aggredirla con violenza da fondo.

Scopri il Tennis Ball Saver: ripressurizza le palline che tornano a rimbalzare come il primo giorno!

Questo aspetto potrà essere particolarmente utile a chi giocando a tennis lamenta seri problemi a zone delicate come polso e gomito. La tecnologia Graphene Touch scongiura uno degli incubi ricorrenti dei tennisti come l’epicondilite: un fastidio cronico che tende a protrarsi nel tempo seccando e non poco l’atleta.

Head Touch Radical ProLo schema corde della Head Touch Radical Pro è un oramai classico 16×19, che però può vantare uno schema corde particolare denominato Dynamic. Grazie ad esso le corde sranno ravvicinate nella zona centrale.

L’accorgimento non è affatto da tenere in una bassa considerazione, anzi. Corde vicine al centro significano, all’atto pratico, un maggiore controllo da parte del tennista che la utilizza. Grazie a questo semplice sistema le traiettorie risulteranno sicuramente più sicure e ampiamente contenibili.

Scopri l’SKLZ Powerbase Tennis, il modo migliore per allenarsi senza avversario!

Lo schema corde Dynamic segna decisamente un punto a favore nei confronti di chi, dal proprio strumento, desidera soprattutto controllo. Non solo: controllo e morbidezza. Questi aspetti della Head Touch Radical Pro vengono fuori soprattutto a rete, dove la sensibilità della mano viene esaltata da una racchetta versatile e certamente per palati fini.

A ridosso della rete, infatti, la Head si comporta egregiamente: morbida, maneggevole e reattiva, sarà uno strumento letale per chi ama giocare un tennis aggressivo e fatto di pochi, rapidi punti. Le volée sono sempre sicure ed estremamente controllate, frutto di un perfetto connubio tra il Graphene Touch e il più volte citato schema corde 16×19 Dynamic.

Questo è il link per avere la Head Graphene Touch Radical Pro

Anche nel servizio la Head Touch Radical Pro si comporta benissimo. La potenza, così come anche il controllo degli effetti saranno sempre ottimi, sia in kick che in slice. Il movimento rotatorio della racchetta sarà semplicissimo da effettuare, dato che la maneggevolezza di questa Head è estrema. Di conseguenza, il servizio viene notevolmente aiutato e alla lunga questo aspetto può davvero pesare sull’economia complessiva di un match.

In ultimo, dedichiamo qualche riga anche all’aspetto estetico. Il colore arancione acceso la rende immediatamente visibile e appetibile a chi ama i colori forti e decisi. Verso il manico l’arancione cede nettamente a un nero corvino, creando un interessantissimo contrasto cromatico tra i due colori. Lungo l’ovale, invece, una livrea azzurra fa la sua comparsa.

Se vi interessano i modelli Head Graphene potete dare uno sguardo anche alla Head Graphene XT Prestige Pro, Head GrapheneXT Instinct MP o Head Graphene Touch ADAPTIVE Instinct.

Conclusioni sulla Head Touch Radical Pro

La Head Touch Radical Pro  è una racchetta ideale per coniugare controllo assoluto, maneggevolezza e morbidezza.



 

Caratteristiche della Head Touch Radical Pro

Ovale: 98
Lunghezza: 68,5 cm
Peso: 326 g
Bilanciamento: 31,5 cm
Swingweight: 324
Rigidità: 66

Tensione: 22- 26 Kg

Telaio: 20 – 23 – 21
Schema corde: 16×19



  • Controllo - 98
  • Potenza - 76
  • Topspin - 76
  • Backspin - 74
  • Servizio - 90
  • Volée - 95
  • Maneggevolezza - 98

In sintesi

La Head Touch Radical Pro è l'ideale per chi vuole mantenere il controllo su tutti i propri colpi.

Parere utenti: 0.0 (0 voti)
Invio del voto
The following two tabs change content below.
Laureato in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi Roma TRE, Giornalista Pubblicista presso l'Ordine dei Giornalisti del Lazio. La banana di Chang, le bottigliette di Nadal, i passetti di Agassi e la lingua di Sampras. Ma, soprattutto, il naso a patata di Federer. Contatti: francesco_agostini@hotmail.it