Valutazione della redazione

7.3
Voto globale

La Tecnifibre TFight 295 DYNACORE è un modello estremamente interessante che punta tutto sulla estrema maneggevolezza e velocità dei colpi. Sebbene non potentissima, questa racchetta è in grado di invertire le fasi di gioco (difesa/attacco) in un attimo proprio grazie alle sue particolari caratteristiche. Ma andiamo nel dettaglio.


Iniziamo subito analizzando gli aspetti tecnici di questa Tecnifibre TFight 295 DYNACORE, dicendo che è un modello perfetto per chi appartiene alla numerosa fascia dei tennisti intermedi. La nota azienda francese ha deciso di implementare innanzitutto la stabilità di questa racchetta, un punto che poteva essere debole vista la leggerezza e la maneggevolezza di base proprio grazie al sistema Dynacore, da cui trae il nome.

Tecnifibre TFight 295 DYNACOREIl feeling con il proprio tennis sarà elevatissimo, ed è questo un grande punto di forza della Tecnifibre TFight 295 DYNACORE, una racchetta pensata principalmente per i tennisti intermedi ma che strizza l’occhio anche a quelli che appartengono alla fascia degli avanzati. Insomma, un buon compromesso che accontenta tutti e che si pone a metà tra i due livelli di gioco.

Gli aspetti tecnici di questa Tecnifibre TFight 295 DYNACORE non sono comunque finiti qui, anzi: per gli amanti dell’estetica c’è un importante novità. Giocando a tennis, purtroppo, le racchette si rovinano. È un fatto inevitabile, questo, dato che molto spesso (soprattutto quando si rincorre una palla corta) il telaio può sbattere contro il terreno, graffiandosi o peggio ancora ammaccandosi. Ebbene, la Tecnifibre ha pensato anche a questo aspetto.

L’azienda francese ha inserito nel telaio esterno un sistema in grado di proteggere la racchetta da graffi e ammaccature, denominato Armor Cap Bumper. Con questo semplice ma efficace accorgimento, la zona dell’ovale sarà sempre protetta da eventuali urti e la bellezza estetica ne sarà chiaramente preservata. Bellezza estetica che comunque è notevole: un intreccio di colori classici come il rosso, il nero e il bianco le danno un aspetto aggressivo e mordace.

Ma come si comporta in campo questa Tecnifibre TFight 295 DYNACORE? Possiamo dire bene, soprattutto in relazione all’estrema leggerezza e maneggevolezza dell’attrezzo. Il tennista intermedio apprezzerà in modo particolare questa sua facilità d’uso, visto che ogni colpo, sia dritto che rovescio, riuscirà semplice e senza sforzi eccessivi.

All’atto pratico questo significherà uno swing facile, delle buone rotazioni, sia in topspin che in slice e un eccellente rapidità d’esecuzione al servizio. Il mulinello potrà essere eseguito velocemente e, anche se i colpi non risulteranno essere potentissimi, questi saranno sempre precisi e controllati al punto giusto, quasi chirurgici. Va da sé, quindi, che servizi più lavorati come il kick o lo slice saranno più efficaci di un normale colpo piatto.

Il punto forte di questa racchetta è comunque la rete. In questo ambito del gioco la sua leggerezza e rapidità è decisamente un punto a favore, che permetterà al tennista di proporsi efficacemente in avanti o di chiudere senza troppi patemi d’animo un attacco in controtempo. Anche se al giorno d’oggi questa è una merce rara (molto rara, a dir la verità), sui campi rapidi come il cemento c’è ancora qualcuno che gioca un tennis tutto votato all’attacco.

Conclusioni sulla Tecnifibre TFight 295 DYNACORE

La Tecnifibre TFight 295 DYNACORE è una racchetta perfetta per tutti quei tennisti che desiderano maneggevolezza sotto rete e facilità nei colpi.



 

Caratteristiche della Tecnifibre TFight 295 DYNACORE

Ovale: 100
Lunghezza: 68,8 cm
Peso non incordata: 295 g
Bilanciamento: 33,5 cm
Swingweight: 310
Rigidità: 68

Tensione: 23- 27 Kg

Telaio: 23/23/23
Materiale: Grafite
Schema corde: 16×120



  • Controllo - 73
  • Potenza - 71
  • Topspin - 72
  • Backspin - 72
  • Servizio - 71
  • Volée - 76
  • Maneggevolezza - 76

In sintesi

La Tecnifibre TFight 295 DYNACORE è la racchetta ideale per essere ampiamente competitivi a rete, vista la sua grande maneggevolezza.

Parere utenti: 0.0 (0 voti)
Invio del voto
The following two tabs change content below.
Laureato in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi Roma TRE, Giornalista Pubblicista presso l'Ordine dei Giornalisti del Lazio. La banana di Chang, le bottigliette di Nadal, i passetti di Agassi e la lingua di Sampras. Ma, soprattutto, il naso a patata di Federer. Contatti: francesco_agostini@hotmail.it

Ultimi post di Francesco Agostini (vedi tutti)