Il torneo di Acapulco è un ATP World Tour 500 series e si disputa su una superficie veloce come il cemento.

La città di Acapulco

Acapulco è il diminutivo del nome ufficiale della città, ossia Acapulco de Juárez, appartenente allo stato di Guerrero. L’intera città di Acapulco, in Messico, si affaccia su una baia profonda ed estremamente suggestiva: sicuramente uno dei luoghi più belli del pianeta in quanto a bellezza naturale.



 

Il suo porto è un importantissimo scalo commerciale che lega San Francisco a Panama, lungo l’Oceano Pacifico e l’intera città è spesso oggetto di visite di turisti vacanzieri. Negli ultimi anni, però, il turismo è decisamente calato a causa delle continue guerriglie tra narcotrafficanti locali.

Una piccola curiosità: lungo la baia di Acapulco è possibile osservare, ogni giorno, dei tuffatori professionisti della Quebrada intenti a tuffarsi a diverse altezze lungo le varie insenature. I tuffi possono svolgersi anche alla bellezza di 35 metri.

Il torneo di Acapulco

Come dicevamo in apertura d’articolo, il torneo di Acapulco è un ATP World Tour 500 series e si disputa su una superficie veloce come il cemento e favorisce quei tennisti che amano concludere il gioco in pochi scambi, magari seguendo la canonica combinazione servizio-dritto.Acapulco

Il prize money di questo torneo è piuttosto alto, come del resto qualsiasi altro titolo Atp. Al vincitore, infatti, andranno la bellezza di 321.290,00 dollari, oltre che i canonici 500 punti, utilissimi per scalare le classifiche. Al finalista andranno 157.510,00 dollari, mentre ai semifinalisti 79.260,00 dollari; insomma il prize money è sostanzioso ed è perfettamente in linea con la perfetta organizzazione del torneo e la bellezza del posto.

A scorrere l’albo d’oro del torneo di Acapulco c’è davvero da rimanere sorpresi per l’importanza dei nomi. Tra i tanti ricordiamo, ad esempio, Dominic Thiem, David Ferrer, Grigor Dimitrov, Carlos Moya, Rafael Nadal e anche Gustavo ‘Guga’ Kuerten. Insomma, i nomi sono davvero da capogiro, segno che Acapulco è una tappa fondamentale dell’ATP World Tour, ben voluta da tutti i tennisti del circuito.

Una piccola curiosità: le prime quattro edizioni del torneo (1993, 1994, 1995 e 1996) sono state vinte dall’austriaco Muster, vero e proprio dominatore degli anni novanta con il suo gioco coriaceo.



The following two tabs change content below.
Laureato in Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi Roma TRE, Giornalista Pubblicista presso l'Ordine dei Giornalisti del Lazio. La banana di Chang, le bottigliette di Nadal, i passetti di Agassi e la lingua di Sampras. Ma, soprattutto, il naso a patata di Federer. Contatti: francesco_agostini@hotmail.it